Daikon: scheda tecnica di coltivazione

  • Nome scientifico: Raphanus sativus longipinnatus.
  • Famiglia: Brassicacee.
  • Terreno ideale: drenante, sciolto, ricco.
  • pH ideale: da 6,5 a 7,5.
  • Preparazione del terreno: vangatura o aratura a 15 – 20 cm.
  • Concimazione: media, con letame maturo 3 – 4 kg al m2, o con stallatico essiccato 0,3 – 0,4 kg al m2. Ottima anche l’aggiunta al terreno di compost.
  • Quando seminare: marzo – aprile – maggio in pieno campo, agosto in pieno campo.
  • Luna indicata: calante.
  • Come seminare: seguendo delle linee distanziate tra loro circa 30 – 35 cm, interrando la semenza di circa 1,5 cm. Successivamente andranno diradate le piantine in eccesso.
  • Quando trapiantare: è preferibile seminare il daikon direttamente in pieno campo.
  • Clima ideale: mite, temperato, non sopporta gelate.
  • Esposizione solare: pieno sole.
  • Sesto d’impianto: 10 cm tra le piantine e 30 cm tra le file. Se si lascia crescere leggermente più fitto si otterrà comunque una buona produzione con un ridotto sviluppo delle radici.
  • Sostegni: non necessari.
  • Mantenimento: ripetute sarchiature per contrastare le infestanti.
  • Potatura: non necessaria.
  • Irrigazione: abbondante; per una costante e vigorosa crescita mantenere sempre il terreno dove viene coltivato il daikon umido, senza creare pericolosi ristagni idrici.
  • Rincalzatura: non necessaria.
  • Pacciamatura: molto utile, contrasta le erbe infestanti e diminuisce la traspirazione del terreno nei mesi più caldi. Solitamente si effettua con paglia, cippato o erbe di sfalcio secche.
  • Rotazione colturale: non coltivare daikon dove l’anno precedente sono state coltivate brassicacee. Questo ortaggio può essere coltivato dove precedentemente sono state coltivate leguminose.
  • Consociazioni consigliate: cipolla, aglio, porro.
  • Consociazioni sconsigliate: nessuna.
  • Coltivazione in vaso: possibile, buona produzione.
  • Avversità principali: malattie crittogamiche solitamente in concomitanza a ristagni idrici.
  • Insetti e parassiti: lumache.
  • Quando raccogliere: a radice formata, circa 1 – 2 cm di diametro e lunga circa 20 cm. Sono commestibili anche le foglie.
  • Conservazione: 10 giorni in frigorifero.
SAFLAX - BIO - Ravanello - Daikon giapponese - 100 semi - Raphanus sativus
  • Ravanello estivo - grande varietà giapponese dalla delicata piccantezza
  • 100 semi biologiche certificate per pacchetto.
  • Semi di qualità dalla Germania. Con le istruzioni dettagliate per la propagazione di successo.
  • Il ravanello è probabilmente originario del Mediterraneo orientale e dell'Asia.
  • Questo grande ravanello bianco, noto anche come Minowase Daikon, ha una radice molto liscia e tenera con una delicata piccantezza. Le radici, lunghe da 25 a 35 centimetri e spesse 5 centimetri, tendono ad emergere dal terreno e quindi a sviluppare un'estremità verde. Il ravanello prende il suo sapore dagli oli di senape immagazzinati nel ….. (Nelle foto si può trovare una foto della parte posteriore della nostra carta di semi con le istruzioni per la semina e la cura completa)

Prodotti consigliati per la coltivazione del daikon:

Lascia un commento