Anice: scheda tecnica di coltivazione

  • Nome scientifico: Pimpinella anisum.
  • Famiglia: apiaceae.
  • Ciclo colturale: annuale.
  • Terreno ideale: leggero e ben drenato.
  • pH ideale: da 6 a 7.
  • Preparazione del terreno: vangatura a 15 – 20 cm su tutta la superficie di coltivazione.
  • Concimazione: media (2 – 3 kg ogni m2), con letame maturo. Ridurre il peso del concime 10/1 se si usa stallatico essiccato . Ottima anche l’aggiunta di compost al terreno di coltivazione.
  • Messa a dimora: seminare in marzo – aprile ogni 10 cm in solchi profondi circa 1 cm, successivamente diradare affinché resti una pianta ogni 30 cm.
  • Temperatura di germinazione: 18 – 20 °C.
  • Clima ideale: temperato, mediterraneo, ama temperature comprese tra i 15 e i 30 °C.
  • Esposizione solare: pieno sole.
  • Sesto d’impianto: lasciare 30 cm tra una pianta e l’altra e circa 60 cm tra una fila e l’altra.
  • Potatura: al fine di prelevare le ombrelle contenenti i semi.
  • Irrigazione: l’anice ama un terreno spesso inumidito seppur tollerando brevi periodi di siccità.
  • Consociazioni consigliate: possiamo posizionare vicino all’anice una pianta orticola appartenente alla famiglia delle lilliaceae.
  • Coltivazione in vaso: molto indicata, con un contenitore di almeno 30 cm di diametro. Compra il vaso qui 
  • Avversità principali: sclerotinia.
  • Insetti e parassiti: afidi, lumache.
  • Quando raccogliere: dopo un mese dalla fioritura quando i semi sono completamente formati e le ombrelle tendono ad insecchire.
  • Utilizzi: l’anice viene utilizzato principalmente per insaporire dolci, biscotti, torte. Le foglie possono essere consumate anche in insalata.
  • Conservazione: dopo aver ottenuto una completa essicazione dei semi conservarli in vasi di vetro .
  • Moltiplicazione: da seme.

Prodotti consigliati per la coltivazione dell’anice:

Lascia un commento