Fagiolino rampicante (tegolina o cornetto): scheda tecnica di coltivazione

  • Nome scientifico: Phaseolus vulgaris.
  • Famiglia: Leguminose.
  • Terreno ideale: medio impasto, sciolto, drenate.
  • pH ideale: da 5,5 a 7,5.
  • Preparazione del terreno: vangatura o aratura a 15 – 20 cm.
  • Concimazione: medio – scarsa. Essendo una leguminosa si autoproduce l’azoto necessario. Preferire concimazioni a base di potassio.
  • Quando seminare: aprile – maggio in pieno campo.
  • Luna indicata: crescente.
  • Come seminare: adagiare 3 – 4 semi per ogni postarella interrandoli di circa 1,5 cm.
  • Quando trapiantare: si semina direttamente in pieno campo.
  • Clima ideale: temperato, non ama temperature superiori ai 28 – 30 °C.
  • Esposizione solare: pieno sole.
  • Sesto d’impianto: 3 – 4 semi ogni 40 cm distanziando le file di circa 1 metro.
  • Sostegni: necessari; con l’ausilio di apposite reti a quadratoni fissate su paletti o canne di bambù.
  • Mantenimento: controllo delle infestanti attraverso ripetute sarchiature.
  • Potatura: non necessaria.
  • Irrigazione: moderata; aumentare in presenza della fioritura.
  • Rincalzatura: non necessaria.
  • Pacciamatura: consigliata, con materiali naturali (paglia, erbe secche, cippato).
  • Rotazione colturale: sulla parcella di terra dove sono stati coltivati i fagiolini, l’anno seguente coltivare solanacee o cucurbitacee che potranno quindi favorire dell’azoto lasciato dai fagiolini.
  • Consociazioni consigliate: patate, melanzane.
  • Consociazioni sconsigliate: finocchio, cipolle.
  • Coltivazione in vaso: consigliata, buona produzione.
  • Avversità principali: rizottonia, marciume radicale, batteriosi.
  • Insetti e parassiti: afidi, tonchio, lumache.
  • Quando raccogliere: solitamente quando il baccello raggiunge circa i 10 cm.
  • Conservazione: possono essere conservati anche in freezer ma sono molto più gustosi mangiati freschi e di stagione.

Prodotti consigliati per la coltivazione del fagiolino rampicante (tegolina o cornetto):

Lascia un commento